• info@ecsolutions.it

SELFIEmployment : Cos’è?

SELFIEmployment è un’opportunità per mettere in campo le tue idee di business, sviluppare le tue attitudini e avviare piccole iniziative imprenditoriali.

Grazie a SELFIEmployment puoi sviluppare il tuo progetto con dei finanziamenti agevolati.

Il Fondo – gestito da Invitalia nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, sotto la supervisione del Ministero del Lavoro – finanzia con prestiti a tasso zero l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da giovani NEET.

Come ottenere i finanziamenti agevolati SELFIEmployment

Con l’ultimo avviso pubblicato sono stati semplificati i requisiti per accedere ai finanziamenti.

Infatti è sufficiente essere iscritti al Programma Garanzia Giovani (ed essere presi in carico dai Centri per l’impiego) per poter compilare la domanda, corredata dal piano di impresa e da tutti gli allegati richiesti.

I prestiti:

Il Fondo SELFIEmployment finanzia piani di investimento inclusi tra 5.000 e 50.000 euro.

In particolare i prestiti erogabili sono ripartiti in:

microcredito, da 5.000 a 25.000 euro

microcredito esteso, da 25.001 a 35.000 euro

piccoli prestiti, da 35.001 a 50.000 euro.

Si tratta di finanziamenti agevolati senza interessi, senza garanzie, rimborsabili in 7 anni con rate mensili che partono dopo sei mesi dalla concessione del prestito.

Chi ottiene le agevolazioni deve impegnarsi a realizzare il programma degli investimenti entro 18 mesi dal perfezionamento del provvedimento di ammissione.

A chi è rivolto SELFIEmployment?

  • SELFIEmployment è rivolto ai giovani che hanno una forte attitudine al lavoro autonomo e all’imprenditorialità e la voglia di mettersi in gioco.Per accedere ai finanziamenti bisogna essere:- giovani tra i 18 e 29 anniNEET (Not in Education, Employment or Training), cioè senza un lavoro e non impegnati in percorsi di studio o di formazione professionale- iscritti al programma Garanzia Giovani

Cosa si può fare:

  • Possono essere finanziate le iniziative in tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, come ad esempio:- turismo (alloggio, ristorazione, servizi) e servizi culturali e ricreativi- servizi alla persona- servizi per l’ambiente- servizi ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione)- risparmio energetico ed energie rinnovabili- servizi alle imprese- manifatturiere e artigiane

    – commercio al dettaglio e all’ingrosso

    – trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, ad eccezione dei casi di cui all’articolo 1.1, lett. c), punti i) e ii) del Reg. UE n. 1407/2013;

    Sono esclusi i settori della pesca e dell’acquacultura, della produzione primaria in agricoltura e,  in generale, i settori esclusi dall’articolo 1 del Regolamento UE 1407/2013.

Chi presenta la domanda?

  • I giovani possono avviare iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità presentando la domanda nelle seguenti forme:- Imprese individuali, società di persone, società cooperative composte massimo da 9 soci. Sono ammesse le società:- costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive- non ancora costituite, a condizione che vengano costituite entro 60 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni- Associazioni professionali e società tra professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda, purché inattive

SELFIEmployment: Come vengono erogate le agevolazioni?

Microcredito: l’erogazione avviene in un’unica soluzione mediante bonifico bancario;

Microcredito esteso: l’erogazione avviene in due fasi:

  1. -l’anticipo pari ad euro 25.000 mediante bonifico bancario, successivamente al perfezionamento del provvedimento di ammissione;
  2. -il saldo entro 18 mesi dal perfezionamento del provvedimento, a seguito di comunicazione di avvenuto completamento e pagamento del programma di spesa ammesso;

Piccoli prestiti: le agevolazioni possono essere erogate in modalità frazionata:

  1. un primo SAL (stato avanzamento lavori) non superiore al 50 % delle spese (solo se richiesto), presentando entro 3 mesi dal perfezionamento del provvedimento di ammissione documenti di spesa di pari valore, anche non quietanzati, e una dichiarazione attestante la presenza dei beni presso la sede dell’iniziativa con relativa polizza assicurativa per rischi di furto e incendio sui beni dell’investimento;
  2. una richiesta di saldo (ovvero in un’unica soluzione) entro 18 mesi dal perfezionamento del provvedimento, a fronte del completamento e pagamento del programma di spesa. Invitalia, previo incontro di monitoraggio, procede all’erogazione del saldo.

Come avviene la restituzione del finanziamento agevolato?

  • – Microcredito: il piano di ammortamento, comunicato contestualmente all’erogazione delle agevolazioni, decorre dal sesto mese successivo alla data di erogazione delle agevolazioni;- Microcredito esteso: il piano di ammortamento, comunicato contestualmente all’erogazione delle agevolazioni della prima tranche di euro 25.000, decorre dal sesto mese successivo alla data di erogazione delle agevolazioni. Con l’erogazione del saldo, previa verifica dell’avvenuto pagamento di almeno 6 rate, Invitalia comunica il piano di ammortamento definitivo che decorre dal mese successivo alla data di erogazione del saldo;- Piccoli prestiti: il piano di ammortamento decorre dal mese successivo all’erogazione del saldo.

Contattaci

FAQ

Chi sono i NEET?

Giovani che al momento dell’adesione al programma Garanzia Giovani hanno un’età compresa tra i 15 e i 29 anni e che sono residenti sul territorio nazionale, privi di occupazione, non inseriti in percorsi di studio o formazione. Tali requisiti devono essere posseduti anche alla data di presentazione della domanda.

Cosa significa “adesione al Programma Garanzia Giovani”?

I giovani NEET, che hanno intenzione di presentare la domanda al fondo SELFIEmployment, devono aderire al Programma Garanzia Giovani attraverso la registrazione che avviene sul portale: http://www.garanziagiovani.gov.it

3. Chi deve possedere i requisiti soggettivi nelle società di persone, società cooperative, associazioni/società tra professionisti?

– Per le società di persone il rappresentante legale deve detenere la maggioranza assoluta delle quote societarie (51%) e possedere i requisiti di cui all’articolo 4 dell’Avviso, ovvero avere compiuto il 18esimo anno di età e non frequentare un regolare corso di studi (secondari superiori, terziari non universitari o universitari) o di formazione;

– per le società cooperative i soci rappresentanti la maggioranza assoluta numerica e di quote di partecipazione della cooperativa, nonché il Presidente della stessa, devono possedere i requisiti summenzionati;

– per le associazioni professionali e per le società tra professionisti tutti i componenti devono possedere i requisiti di cui sopra.

Chi può accedere alla misura?

I soggetti destinatari dei contributi del Fondo SELFIEmployment sono i giovani NEET che alla data di presentazione della domanda devono possedere i seguenti requisiti:

– avere compiuto il 18esimo anno di età;

– non frequentare un regolare corso di studi (secondari superiori, terziari non universitari o universitari) o di formazione;

– non essere inseriti in tirocini curriculari e/o extracurriculari;

– essere disoccupati ai sensi dell’articolo 19, comma 1 e successivi del decreto legislativo  50/2015 del 14 settembre 2015;

– avere residenza sul territorio nazionale;

– avere aderito al Programma Garanzia Giovani.

Le spese di investimento previste in domanda devono essere documentate?

Si, alla domanda di agevolazione occorre allegare i preventivi di spesa.

Quando si intende avviata l’attività?

Entro 6 mesi dal perfezionamento del provvedimento di ammissione, il destinatario deve comunicare di essere in possesso di tutti i permessi, licenze ed autorizzazioni necessarie per lo svolgimento dell’attività, ed aver realizzato una quota parte dell’investimento sufficiente a garantire l’erogazione dei prodotti e/o servizi previsti ovvero l’emissione di almeno una fattura.

Come possono essere pagate le spese ammesse alle agevolazioni?

I pagamenti delle spese ammesse alle agevolazioni dovranno essere effettuati solo con bonifico bancario, RID, RIBA, assegno nominativo con microfilmatura, bollettino postale, carta di credito, carta di debito e assimilabili utilizzando il conto corrente dedicato. E’ escluso l’uso dei contanti, tranne che per il pagamento delle utenze secondo i limiti stabiliti dalle normative vigenti per i pagamenti in contanti.

LAVORIAMO CON: