• info@ecsolutions.it

Grandi Investimenti

CONTRATTI DI SVILUPPO

Vi sono due tipologie contrattuali che si possono attivare:

  • Accordo di Sviluppo: per i programmi di grandi dimensioni (investimenti almeno di € 50 mln), è previsto l’Accordo di Sviluppo che riduce i tempi di istruttoria a 90 giorni (anziché 120). Un progetto è ritenuto di rilevanza strategica se si riscontra almeno uno dei seguenti elementi distintivi: un significativo impatto occupazionale, la capacità di attrazione degli investimenti esteri e la coerenza con le direttrici di Industria 4.0.
  • Accordo di Programma: per gli investimenti che incidono in modo consistente sulla competitività dei territori.

L’investimento complessivo minimo richiesto è di 20 milioni di euro. Il Contratto di Sviluppo prevede le seguenti agevolazioni finanziarie:

  • Contributo a fondo perduto in conto impianti;
  • Contributo a fondo perduto alla spesa;
  • Finanziamento agevolato;
  • Contributo in conto interessi.

L’entità degli incentivi dipende dalla tipologia di progetto (di investimento o di ricerca, di sviluppo e innovazione), dalla localizzazione dell’iniziativa e dalla dimensione di impresa.

ACCORDI PER L’INNOVAZIONE (bando MISE ma fondi gestiti da Invitalia)

  • Progetti riguardanti attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti nei seguenti settori:
    – Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC);
    – Nanotecnologie;
    – Materiali avanzati;
    – Biotecnologie;
    – Fabbricazione e trasformazione avanzate;
    – Spazio.
  • Imprese di qualsiasi dimensione, anche in forma congiunta tra loro e/o con Organismi di ricerca, fino a un numero massimo di cinque co-proponenti (contratti di rete, accordi di partenariati, consorzi costituiti);
  • Ad oggi aperto solo per Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Toscana
  • Spese e costi ammissibili non inferiori a 5 mln di euro e non superiori a 40 mln di euro, avere una durata non superiore a 36 mesi ed essere avviati successivamente alla presentazione della proposta progettuale al Ministero dello sviluppo economico

PROOF OF CONCEPT

  • Finanzia programmi di valorizzazione finalizzati alla valorizzazione di uno o più brevetti attraverso progetti di Proof of Concept;
  • Rivolto a università italiane, Enti Pubblici di Ricerca (EPR) italiani e Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS);
  • Finanziamento pari al 70% del totale dei costi ammissibili, entro il limite massimo di finanziamento di € 40mila per PoC e € 320mila per il programma di valorizzazione.

PON CULTURA E SVILUPPO

Il Programma Operativo Nazionale “Cultura e Sviluppo” (PON) nasce con l’obiettivo di valorizzare e salvaguardare il patrimonio culturale delle regioni Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia.
La strategia del PON si articola su tre Assi che puntano a:

  • rafforzare la domanda e l’offerta degli attrattori culturali e qualificare i servizi connessi alla fruizione turistico-culturale (asse 1)
  • Favorire la competitività delle imprese del settore culturale (asse 2)
  • Sostenere la gestione e l’efficienza del Programma anche attraverso il rafforzamento amministrativo dei soggetti pubblici coinvolti (asse 3)

LAVORIAMO CON: